Autori

Non so che cosa ne verrà fuori, sinceramente, ma ci provo.

Ieri sera sono stato al cinema, a guardare l’ultimo lungometraggio di Von Trier.
(Precisazione: l’ultimo non vuol dire che è stato proiettato due giorni fa, in prima visione; vuol dire l’ultimo della sua produzione. L’ultimo e basta; si tratta di “Melancholia”.)

Ho trovato estremamente gradevole l’interpretazione della Gainsbourg, molto piacevole la fotografia, ed estremamente efficace la colonna sonora (anche se, ascoltando Wagner, si potrebbe cedere alla tentazione di voler invadere la Polonia…).
Il film, in sé, l’ho trovato piuttosto inutile. (Inutile è una traccia, non il tema.)

Come sempre, però, Lars Von Trier è stato in grado di trasmettermi un senso imbarazzante di inquietudine. Ed è proprio questo il punto.
Perché sono andato al cinema? Sono andato al cinema perché ero curioso, mentre alcuni dei miei compagni di viaggio ci sono andati perché Lars Von Trier, la Gainsbourg, il festival di Cannes, il cinema d’Autore cazzo.

Ora: a me ‘sta malattia del regista danese ha un po’ scassato la minchia, per essere fini.
E non è che siccome è Von Trier, e siccome è malato, allora produce film interessanti, sempre e comunque.
Ché un conto è che qualcosa susciti il mio interesse, la mia curiosità, un altro conto è che quel qualcosa sia, in definitiva, davvero interessante.

E questo stupido ed inutile concetto, un po’ per noia, un po’ per nervosismo, un po’ perché sono stanco, voglio estenderlo, solo per un momento, ad un altro caso: i Joy Division.

Con “Love will tear us apart”, alcuni personaggi mi stanno un po’ stracciando le palle, ultimamente.

Bene: ascoltare i Joy Division non farà di voi dei ribelli (a pugni chiusi), non farà di voi esperti conoscitori di musica, non farà di voi dei poeti.

Perché ascoltare musica non vuol dire ascoltare un solo capolavoro, e quel poeta geniale di Ian Curtis, e i Joy Division e l’alternative/post/prog/new punk cazzo.

E non è questione di gusto: non esistono solo Von Trier (in campo cinematografico) ed i Joy Division (in campo musicale).
E nemmeno Wagner, oh.

http://www.youtube.com/watch?v=_CjoCAemK6Y&list=PL2195523184CCC6D3&feature=plpp_play_all

Rispondi